Cronaca

Vetri infranti e auto danneggiate: arrestato dalla Polizia di Stato – Questura di Asti.

Asti, 12 giugno 2024 – Nel pomeriggio di ieri, ad Asti, in corso Alessandria, personale della Polizia di Stato – Questura di Asti è intervenuto per fermare un cittadino straniero che, in preda a una furia violenta, aveva iniziato a danneggiare vetrine e automobili utilizzando uno skateboard. L’uomo aveva già infranto le vetrine di quattro negozi, la vetrata d’ingresso di un condominio e danneggiato due automobili.

Il tempestivo intervento di una volante della Polizia di Stato ha permesso di individuare l’uomo, che, alla vista degli agenti, ignorando l’intimazione di fermarsi, aveva minacciato di colpirli con lo stesso skateboard. A quel punto, uno degli agenti ha estratto il taser in dotazione alle Forze di Polizia e, rinnovando l’intimazione di posare l’oggetto contundente, è riuscito a far desistere l’uomo da ulteriori comportamenti violenti. Lo straniero è stato quindi perquisito, ammanettato e condotto in Questura per accertamenti più compiuti sulla sua identità.

Durante la perquisizione effettuata dagli agenti della Polizia di Stato è stato rinvenuto un coltello da cucina di cui l’uomo non ha saputo giustificare il possesso. Questo ulteriore elemento ha contribuito a confermare la pericolosità dell’uomo.

L’importante lavoro svolto dalla Polizia di Stato della Questura di Asti ha permesso di ricostruire con precisione le responsabilità dell’uomo che, a seguito di accertamenti sulla sua identità, è risultato destinatario di un provvedimento di cattura per l’esecuzione di un ordine di carcerazione relativo ad altri reati commessi in passato. L’uomo è stato tratto in arresto per i fatti occorsi e, a seguito di un’udienza tenutasi ieri pomeriggio, è stato associato presso la Casa di Recluso di Asti.

Il tempestivo intervento della Polizia di Stato ha contribuito a garantire la sicurezza dei cittadini e ha permesso di fermare un individuo pericoloso, prevenendo ulteriori danni e violenze e risolvendo così una situazione potenzialmente pericolosa senza ricorrere a misure più drastiche.

E’ da segnalare, infine, il contributo reso alla Polizia dai testimoni dei fatti, rilevatosi fondamentale per la precisa ricostruzione degli eventi, che ha permesso agli agenti di documentare accuratamente i danni e le azioni del soggetto, sottolineando l’importanza della collaborazione tra forze dell’ordine e comunità nella lotta contro la criminalità.