Si tornerà a correre: il Rally di Alba confermato ad agosto

Se il Rally del Grappolo di fine maggio ha dovuto arrendersi alla pandemia, troppo vicino alla fine del lockdown per poter essere organizzato in sicurezza, tutto fal ben sperare per il rally di Alba, in programma l’1 e il 2 agosto nel comune langarolo. La gara organizzata come d’abitudine dall’Asd Cinzano Rally Team giunge alla 14ª edizione e sarà in una delle prime righe del suddetto calendario. 

«Siamo al lavoro sull’edizione 2020 da gennaio, rallentando il ritmo durante la fase più acuta dell’emergenza sanitaria ma senza mai fermarci», spiega Bruno Montanaro, presidente del Cinzano Rally Team. «Ora ricominciamo da dove c’eravamo lasciati. Il mondo è cambiato, non la nostra passione. Dopo le riunioni in videoconferenza con Aci Sport che ci ha spiegato come ripartiranno le corse su strada crediamo ci siano ottime possibilità di organizzare il Rally nella data prevista sin dall’inizio dell’anno». «C’è voglia di rally, come ci stanno dimostrando i tanti contatti di questi giorni da parte di piloti, preparatori, ufficiali di gara» dice Gil Calleri del Cinzano Rally Team. «C’è anche una cauta apertura da parte dei Comuni, della Provincia, della Prefettura e Questura che non escludono la possibilità di fare la gara il 2 agosto, compatibilmente con le norme contagio che sono in vigore oggi». 

Il programma di gara seguirà le indicazioni impartite da Aci Sport per avere corse più concentrate e meno dispendiose. In linea di massima sabato 1 agosto si terranno verifiche, ricognizioni e shakedown. La pare agonistica del Rally di Alba sarà tutta nella giornata di domenica 2 agosto con partenza al mattino da Alba, disputa di tre prove speciali da ripetere tre volte ciascuna sulle strade di Langa e arrivo finale ad Alba nel pomeriggio. I piloti avranno a disposizione circa 100 chilometri di prove speciali.