SI RIAPRONO I TERMINI DEL BANDO PER L’ASSEGNAZIONE DI CASE POPOLARI

NEL COMUNE DI ASTI

Da Lunedì 11 ottobre sarà nuovamente possibile presentare domanda per l’assegnazione di alloggi di edilizia sociale che si renderanno disponibili nel Comune di Asti. La riapertura del bando pubblicato lo scorso 15 marzo, si è resa opportuna a seguito di quanto disposto dal Tribunale Ordinario di Torino, Prima Sezione Civile che, con ordinanza del 25 luglio 2021, ha dichiarato il carattere discriminatorio della circolare n. 81 del 14.11.2019 con la quale la Regione Piemonte aveva richiesto da parte dei cittadini di stati non aderenti all’Unione Europea la presentazione di apposita certificazione di assenza di proprietà immobiliari nel paese di origine, rilasciata dalla competente autorità dello stato di nazionalità.
Nel periodo di riapertura del bando, potranno presentare domanda i cittadini italiani o di uno Stato aderente all’Unione Europea o di uno Stato non aderente all’Unione Europea regolarmente soggiornanti in Italia, aventi residenza anagrafica o attività lavorativa da almeno cinque anni nel territorio della Regione Piemonte con almeno tre anni, anche non continuativi, in uno dei Comuni dell’ambito territoriale di competenza. Il nucleo richiedente deve possedere un ISEE non superiore ad € 21.201,19 e nessun componente deve essere titolare di alloggi adeguati alle esigenze del nucleo ubicati in qualsiasi comune del territorio nazionale o all’estero. Quest’ultimo requisito potrà essere autocertificato anche da parte dei cittadini appartenenti a stati non UE.
Tutti i requisiti richiesti devono essere in ogni caso posseduti al 22/02/2021, data di pubblicazione del bando. Le domande andranno presentate nel periodo 11 ottobre – 12 novembre 2021 presso la sede dell’ATC di Via Carducci 84, previo appuntamento telefonico al numero 378/3016748. Nel periodo di riapertura del bando sarà possibile ritirare i moduli di domanda presso la sede di ATC oppure scaricarli dai siti www.comune.asti.itwww.atcpiemontesud.it dove sarà inoltre reperibile il testo del bando. “A seguito della decisione del Tribunale di Torino, l’Amministrazione Comunale ha ritenuto di riaprire i termini per la presentazione delle domande per ampliare la possibilità di partecipazione al bando e non lasciare indietro nessuno” ha dichiarato il Sindaco Maurizio Rasero.