Sci/Gigante – Federica Brignone torna a vincere

Ricomincia al Coppa del Mondo di sci, ricominciano le vittoria della campionessa in carica, Federica Brignone, triofatrice lo scorso anno di una delle stagioni più strane della storia sportiva, con il campionato interrotto nel finale dal primo lockdown e la coppa spedita per corriere direttamente a casa dell’atleta, senza la consueta cerimonia ufficiale.

Un inizio assolutamente di altissimo livello per la Brignone, che dimostra da subito di avere la marcia giusta per fare bene anche quest’anno.

Nuovo podio quindi per lo sci alpino azzurro in Coppa del Mondo. 

Dopo le due vittorie ottenute da Marta Bassino nei primi due giganti di stagione – anche lei una delle grandi stelle della stagione passata – stavolta è arrivata al volta di Federica, che si è regalata la vetrina di giornata.

L’azzurra ha chiuso al secondo posto il gigante di Courchevel, rinviato ieri per le avverse condizioni meteo.

La gara è stata vinta da Mikaela Shiffrin, in 2’19”63, davanti all’azzurra (con 82 centesimi di ritardo), rimasta in gara con un’acrobazia nonostante un grande rischio corso nella seconda manche. Terzo posto per la francese Tessa Worley (+1”09).

Tanti rimpianti per Marta Bassino, seconda nella prima manche e autrice di una caduta che non le ha permesso di arrivare al traguardo. Vanno ancora a punti Sofia Goggia e Elena Curtoni in attesa delle gare di velocità: la bergamasca chiude nona, mentre la 29enne di Morbegno è quattordicesima. Sono rimaste fuori dalle prime trenta ed eliminate nella prima manche Laura Pirovano, Roberta Melesi, Valentina Cillara Rossi e Luisa Matilde Maria Bertani. Out in mattinata anche Petra Vlhova che però rimane leader della classifica generale.

Fischnaller vince a Cortina

Una ‘prima’ da urlo. Con il tricolore ad avvolgere l’atto iniziale della Coppa del Mondo di snowboard, disputato sulle nevi di casa. Straordinaria doppietta azzurra nel gigante parallelo che ha aperto la stagione, con il campione in carica – l’intramontabile Roland Fischnaller – che detta la sua legge e si impone davanti ad Aaron March. Terzo gradino del podio per l’austriaco Karl Benjamin, con Felicetti, Coratti e Bagozza che vanno a completare la giornata trionfale dell’Italia, occupando ogni casella dal 4° al 6° posto. Cinque italiani nei primi sei, un record speciale che saluta un esordio da fantascienza.