Salute e Bellezza

Quinoa: tutti i benefici per il nostro organismo

I semi della quinoa sono stati consumati per millenni. Nonostante non sia un cereale, rientra nella stessa categoria degli alimenti ricchi di amido ed è una fonte preziosa di carboidrati, vitamine e minerali. In particolare, la quinoa 0presenta quantità superiori di proteine, ferro, calcio e fosforo rispetto alla media dei cereali ed è naturalmente priva di glutine. Questa versatilità la rende adatta a qualsiasi regime alimentare: puoi cucinarla come il riso o utilizzarla per preparare insalate fredde. Ma cos’è la quinoa? Originaria del Sud America, è una pianta appartenente alla famiglia delle Amaranthaceae. A differenza di quanto si possa pensare, ne esistono diverse varietà, ma quella più comunemente coltivata in agricoltura è la cosiddetta real. Pur avendo caratteristiche nutrizionali simili a quelle dei cereali, la quinoa è più affine all’amaranto, agli spinaci e alle barbabietole. Quando consumata insieme ad altri alimenti, garantisce un eccellente apporto amminoacidico; altri vantaggi includono il fatto che è naturalmente priva di glutine, colesterolo e lattosio. Anche la presenza di vitamina E, un potente antiossidante che protegge le cellule dai radicali liberi, e di alcune vitamine del gruppo B (in particolare la B1, la B2 e la PP) contribuiscono a rendere la quinoa un alimento nutriente e versatile. Troviamo numerosi risvolti positivi per la salute. Combatte la stitichezza: grazie alle fibre favorisce il regolare transito intestinale. Stimola la salute emorroidaria: le emorroidi possono essere alleviate grazie al consumo di alimenti ricchi di fibre. Benefica per chi soffre di calcoli da acido urico: la bassa concentrazione di purine rende la quinoa un’ottima scelta per chi ha problemi di iperuricemia. Senza glutine: la quinoa è ideale per i celiaci che cercano alternative al grano. Persino gli scienziati della NASA hanno deciso di coltivarla durante i voli spaziali di lunga durata. Tuttavia, l’ostacolo principale attuale è il prezzo, che è aumentato rapidamente a causa della crescente domanda in Europa e Nord America.