Cronaca

Processo penale – aggravamento della misura cautelare

La Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Asti ha eseguito nel pomeriggio di ieri 28 giugno 2024 l’ordinanza della custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Asti nei confronti della quarantasettenne E. A.

Si tratta di un aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari a cui la donna era già sottoposta quale imputata dei delitti di circonvenzione di persona incapace in danno dell’anziana donna, nonché di autoriciclaggio per aver impiegato la somma di 149 mila euro, provento della predetta circonvenzione di incapace, in attività economiche ed imprenditoriali in modo da ostacolare concretamente l’identificazione della loro provenienza delittuosa.

L’aggravamento della misura coercitiva è stato richiesto dalla Procura della Repubblica di Asti a seguito di indagini che hanno permesso di accertare la violazione delle prescrizioni del divieto della persona agli arresti domiciliari di comunicare con terze persone.

Il processo penale come è noto è in corso e la prossima udienza dibattimentale è prevista per il giorno 4 luglio 2024.

Per tali ragioni si evidenzia che potrebbero emergere in futuro elementi di segno contrario rispetto a quelli sino ad ora raccolti, a favore quindi dell’imputata, da presumersi innocente fino a quando non sia pronunciata sentenza di condanna definitiva.