Mercedes lancia la CLA

Più lunga e larga della precedente generazione, lanciata nel 2013, la nuova Mercedes CLA conserva le forme da berlina sportiva che hanno decretato il successo di questa quattro porte, ispirata alla grande e lussuosa CLS, ma basata sulla piattaforma a trazione anteriore della Classe A. Gli stilisti della casa tedesca sono andati sul “sicuro” e hanno riproposto il lungo cofano anteriore, i finestrini bassi e la coda spiovente, fra le principali caratteristiche della vecchia generazione, ma la CLA 2019 ha fiancate più levigate, sottili fari a led e un nuovo baule posteriore, nel quale non è più presente l’alloggiamento della targa. Dalla vecchia generazione arrivano anche i vetri delle portiere senza cornici, un dettaglio tipico delle coupé, e la cura per l’aerodinamica.

L’aspetto grintoso e accattivante della Mercedes CLA del 2019 non ha origine soltanto dalle modifiche allo stile, perché la base costruttiva della nuova Classe A ha permesso alla Mercedes di rivedere le proporzioni della quattro porte. La carrozzeria infatti è lunga 468,8 cm (4,8 cm in più) e larga 183 cm (5,3 cm in più), ma sono le carreggiate anteriore e posteriore più larghe a far sembrare la CLA meglio “piantata” a terra: la carreggiata anteriore cresce infatti di 6,3 cm, raggiungendo i 161,2, e dietro l’aumento si attesta a 5,5 cm (a 160,2 cm). L’altezza diminuisce di 2 mm, passando da 144,1 a 143,9 cm, mentre l’interasse maggiorato di 3 cm (da 269,9 a 272,9 cm) è sinonimo di maggior agio per i passeggeri: secondo la Mercedes c’è più spazio in larghezza e anche per la testa, nonostante il tetto tagliato ispirato alle coupé.

Il baule della nuova Mercedes CLA perde 10 litri di capacità e scende da 470 a 460 litri, ma la “bocca” d’accesso più larga di 26,2 cm (sono 89,1 cm) dovrebbe semplificare il carico di oggetti ingombranti. L’interno ricalca quanto visto sulla Classe A e ha quindi un aspetto futuribile, grazie alla soffusa illuminazione interna e ai due schermi affiancati del sistema multimediale MBUX, arricchito con funzionalità non disponibili sulla Classe A: a partire dagli Stati Uniti sarà venduta una versione più evoluta dell’assistente vocale, che permette non soltanto di gestire il “clima” o cercare una destinazione con il navigatore, ma anche di ottenere informazioni complesse, come ad esempio l’andamento giornaliero di un titolo in borsa oppure la prestazione di una squadra dopo una partita.

Fra le novità della Mercedes CLA ci sono anche i sistemi di assistenza alla guida, a partire dalla frenata automatica d’emergenza fino al mantenimento attivo della corsia e alla regolazione automatica dei fari abbaglianti, che si spengono da soli avvicinando un’altra automobile. Il primo motore annunciato per la nuova generazione della CLA è il benzina 2.0 da 225 CV della CLA 250, abbinato alla trazione integrale 4matic, ma all’avvio degli ordini ne saranno disponibili altri, compresi quelli a gasolio o i benzina meno performanti.

Ha anche un aspetto più accattivante e grintoso rispetto alle precedenti generazioni, la berlina in vendita dalla primavera 2019. Il nuovo modello dovrebbe essere solo leggermente più lungo rispetto a quello uscente ed è basato sulla stessa piattaforma a trazione anteriore della Mercedes Classe A. Lo stile la fa da padrone, con numerosi dettagli ispirati alle coupé, come il lungo cofano anteriore, il tetto arcuato e i finestrini laterali dall’altezza ridotta, racchiusi all’interno di portiere senza cornice. A cambiare sono la mascherina, più larga e simile alla Classe A, le scalfitture sul cofano e il portatarga, non più inserito nel baule posteriore ma nel fascione come sulla sorella maggiore CLS.