Lions Club – Incontro Culturare con i Professori Donatella Taverna e Francesco De Caria

Gentilissimi signori,

Abbiamo il piacere e l’onore di farVi avere il Comunicato Stampa relativo all’ incontro culturale particolarmente interessante che abbiamo organizzato con i Professori Donatella Taverna e Francesco De Caria. Due eccellenze che pur essendo torinesi, ove svolgono la loro opera di critica d’arte, di organizzatori di eventi volti alla divulgazione artistica, di pubblicisti, di studiosi della Storia mediovale e delle tradizioni popolari piemontesi, vivono i loro momenti di riposo ad Incisa Scapaccino e non dimenticano di essere momento di riferimento e formazione anche sul territorio.  Ogni anno nel mese di luglio propongono i nella Chiesa “Virgo Fidelis”  un incontro su un artista ( … C. Terzolo, Pieri, C.Formica, G.Taverna, ..…) illustrandone il cammino e la vita attraverso le loro opere.

Sono stati anche relatori, rendendole onore, alla Accademia di Cultura Nicese L’Erca

Il Professor De Caria è Direttore di un periodico di cultura locale: La Bricula di Cortiglione.

Numerose le opere ed i saggi da loro pubblicati.

Tra questi

(D.Traversa) Esseri Misteriosi nella tradizione popolare piemontese – Celti Fate e altre Storie, – Anna di Cipro.L’eterna straniera, – L’albero del cielo – Lettere a Faustina – La Vita quotidiana nell’antico Egitto – Eudocia Comnena di Bisanzio signora di Montpellier – Come visitare il Museo Egizio di Torino – Inseguendo Luisa. Diario ideale di una nobildonna piemontese……….

(D. Traversa con F. De Caria) Colloqui d’Arte – Giacomo il Cancelliere, ascesa e disgrazia del Conte di Masino alla corte di Ludovico di Savoia….

(F.De Caria) Percorsi d’Arte. Le mostre monografiche del Collegio San Giuseppe di Torino. –

Martedì 26 settembre, dalle ore 20, i Soci  del Lions Club Nizza Monferrato Canelli e loro ospiti, sono invitati presso il Grappolo d’Oro di Canelli, Viale Risorgimento 59/6,  loro sede, per il primo incontro culturale del dopo pandemia,  sul tema

Giovanni Taverna scultore (1911-2009). L’Idea e la materia

Seminario tenuto da Francesco De Caria e Donatella Taverna, figlia dell’artista. Saranno esposte alcune opere e saranno proiettate immagini di opere dello scultore.

————————–

Giovanni Taverna, alluvionese per nascita, ma formato a Torino sin dall’adolescenza presso gli atéliers di Stefano Borelli e soprattutto di Leonardo Bistolfi, ha operato nel campo della scultura   ricordiamo fra i monumenti pubblici quelli ai Caduti  di Sale alessandrino e di Leynì e il monumento al migrante di Pittsburg,nonché il medaglione in bronzo per il monumento  al poeta Giuseppe Pacotto di Torino )  e della ceramica, direttore artistico della ESSEVI di Torino per la quale ha realizzato vari modelli. Alcuni di questi sono stati esposti un paio di anni fa alla mostra sulla ceramica al castello di Monastero Bormida. Per la committenza privata ha altresì realizzato molte sculture – soprattutto ritratti e opere funerarie.

Allievo di Leonardo Bistolfi –  del quale ha sempre conservato  una memoria di reverente ammirazione – si è tuttavia staccato dallo stile liberty, per seguire il modello “classico”, con  una forte tensione all’Idea, che nelle forme può ricordare piuttosto l’opera del primo maestro Stefano Borelli. La sua scultura conserva una estrema compostezza  e dignità, anche controcorrente rispetto allo sperimentalismo e alla decomposizione delle forme dell’arte contemporanea e di  altri maestri, come il coetaneo Sandro Cherchi.

Convinto che l’artista deve essere intellettuale di ampia cultura oltre che, naturalmente tecnicamente di grande perizia, ha frequentato circoli culturali e personalità letterarie, ha seguito con passione la musica classica, la letteratura e la poesia, anche in lingua piemontese ed ha frequentato personalità di alto profilo.

I relatori:

Donatella TAVERNA, figlia dell’Artista, è laureata in Lettere e specializzata in Archeologia Mediorientale:  pubblicista, ha collaborato soprattutto come critico d’arte a molti quotidiani, periodici e riviste nonché a importanti case editrici.  Ha pubblicato vari volumi di storia piemontese e di antropologia culturale. E’ curatrice di mostre d’arte

Francesco DE CARIA, laureato in lettere e specializzato in filologia classica a Genova, iscritto all’Ordine dei Giornalisti e Pubblicisti di Torino,  collabora a vari periodici, è direttore di una pubblicazione di cultura locale.  E’ stato relatore in convegni anche internazionali. E’ curatore di mostre d’arte.

Grati della Vostra attenzione.

                                                                                        p.  Lions Club Nizza Monferrato Canelli

                                                                                                        Pietro Masoero