Lettera aperta della Mezzaluna: “Basta polemiche sui biglietti”

Lettera aperta del Mezzaluna dopo le continue polemiche di alcuni genitori delle compagini ospiti al momento del pagamento del biglietto per assistere alle partite della Scuola calcio.
Luciano Mortara, responsabile del settore calcio della polisportiva, commenta: “In tutte le altre province è una prassi normale. Noi, riduzioni a parte, chiediamo per l’intero tre euro, una cifra molto più bassa rispetto a tanti altri posti. Nell’astigiano molte società non fanno pagare niente, ma questo è uno strumento importante per poter far crescere e tenere in vita la nostra società. E soprattutto è nostro diritto farlo, visto che paghiamo tutte le tasse ad esso collegate, stacchiamo regolare ricevuta e il tutto è assolutamente rispettoso delle norme vigenti”.
Ecco la comunicazione della società: “E’ con estremo rammarico che la Società Mezzaluna ha ritenuto opportuno comunicare con questo documento la facoltà di esercitare l’attività in oggetto.
E’ ormai da tre stagioni, che presso i ns. impianti viene applicato l’esercizio cassa all’ingresso delle gare ufficiali di campionato, tornei o qualsiasi manifestazione ufficiale e programmata; ciò a partire dalla categoria pulcini, fino alla categoria
adulti dilettanti in cui milita e con esclusione di primi calci e piccoli amici. La cosa che maggiormente infastidisce, non è tanto il disaccordo che spesso viene manifestato dal pubblico agli eventi, ogni opinione è legittima, quanto l’arroganza negli atteggiamenti (in qualche caso si è arrivati all’insulto), e la palese ignoranza sull’argomento.
Gradiremmo pertanto che le società informassero i propri simpatizzanti e soprattutto i propri tesserati che quanto operato dalla ns. società è legittimo, nel momento in cui l’operato stesso è denunciato ufficialmente presso Siae, esercitato con rilascio di regolare biglietto di ricevuta e su cui vige tassazione. Tesserati e dirigenti, in particolar modo, dovrebbero evitare di fomentare polemiche, pontificando in casa altrui, sulla gestione della società e su quali siano i metodi più consoni per finanziare le attività agonistiche e di supporto, ove questi rispettino i termini di correttezza e legalità. Sarebbe bene inoltre, non dare informazioni errate, l’esercizio di biglietteria alle partite di calcio è un uso in atto da decenni in altre province, stupore e sono prerogativa quasi esclusivamente Astigiana.