L’energia di oltre 500 studenti in cammino contro il bullismo

Slogan e striscioni hanno accompagnato la camminata organizzata in occasione della Giornata Nazionale contro bullismo e cyber bullismo. Il Comune di Asti in collaborazione con la Consulta Provinciale degli studenti, l’Ufficio Scolastico Territoriale e la scuola polo contro il bullismo IIS Vittorio Alfieri, ha riunito oltre 500 studenti delle scuole medie e superiori di Asti e provincia, nella meravigliosa cornice di Piazza Cattedrale da cui alle 10.00 è partito il corteo.

“Passo dopo passo contro il bullismo” questo il titolo dell’iniziativa che non si è limitata ad una semplice camminata ma ha voluto concludere le attività al Palco 19, attraverso la condivisione di messaggi ed esperienze di vita vissuta; profondo e significativo lo spettacolo teatrale a cura del TEATRO AUTOGESTITO del Liceo Classico Vittorio Alfieri. Martina Gado dell’Ufficio Scolastico Provinciale e Davide Bosso della scuola polo V.Alfieri hanno presentato l’Osservatorio Provinciale contro il bullismo.

Oltre al Sindaco Maurizio Rasero, all’Assessore all’Istruzione Elisa Pietragalla e al Consigliere Comunale Denis Ghiglione, tante le autorità e i professionisti presenti al corteo e al Palco 19, il Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile Compagnia Carabinieri di Asti Tenente Roberto Iandiorio, il Questore di Asti Alessandra Faranda Cordella, Piero Baldovino dell’Associazione Mani colorate e Anna Maria Scarrione dell’équipe multidisciplinare abuso e maltrattamento minori dell’Asl di Asti.

Ginevra Cornero e Giulio Bilato, rispettivamente Presidente e Vice della Consulta Provinciale Giovanile, hanno magistralmente condotto gli interventi al Palco 19, mettendo in risalto il protagonismo dei giovani studenti, vero motore dell’iniziativa.

Tra i tanti messaggi lanciati c’è quello del bullismo come “virus” che si diffonde subdolo nell’aria e rende ciechi ed insensibili alle sofferenze del nostro prossimo. “Il bullismo strappa il sorriso ad un ragazzo che torna a casa vuoto e stanco … il bullo non ruba soltanto la merenda o i soldi, ruba pezzi di felicità, attimi di vita”.

L’antidoto, come ricorda il Sindaco dal balcone del Municipio dove si sono avvicendati tanti ragazzi per lanciare i loro messaggi contro al bullismo, è non essere indifferenti. L’ascolto e la condivisione delle esperienze, il supporto tra coetanei, sono la miglior ricetta per non sentirsi soli, per avere il coraggio di reagire e di non restare a guardare di fronte alle ingiustizie.

L’Assessore Elisa Pietragalla, promotrice dell’iniziativa, fa suo il motto di uno striscione: “Il bullismo sgretola il bello della diversità” e aggiunge che solo accettando le differenze di chi ci sta vicino potremo creare una realtà più inclusiva e attenta ai bisogni di tutti.