Il Torino vede l’Europa League, il Milan è escluso dalla Coppa

Grazie Milan. Anche se la classifica non ha sorriso al Torino, arrivato settimo in una stagione in cui, per la prima volta dopo anni, quella posizione non valeva l’Europa – complice la vittoria della Lazio in Coppa Italia, ottava in campionato – i granata accedono comunque ai preliminari di Europa League. Dopo la lunga trafila che ha visto coinvolti rossoneri e Uefa sul tema del fair play finanziario, la settimana scorsa è arrivato il comunicato del Tas, che ha annunciato che avrebbe escluso la squadra di Giampaolo dalla corsa europea. I diavoli hanno così liberato un posto che alla Roma vale l’accesso diretto, mentre al Torino vale un’estate di partite preliminari in cerca di un posto nella fase a gironi. E’ la seconda volta nella sua storia che il Torino deve l’accesso ad una coppa Europea alla squalifica dei rossoneri, e la terza che ottiene un pass Europa League per ripescaggio (era già successo nel 2014 il Toro era stato eliminato agli ottavi). La competizione è iniziata il 27 giugno e vedrà i granata protagonisti dal 25 luglio, cosa che ha spinto il tecnico Mazzarri ad anticipare il ritiro a Bormio al 7 luglio, e di ridurlo a 12 giorni invece di quindici. La finale sarà il 27 maggio a Danzica, in Polonia.
213 le squadre che hanno staccato il pass, contando anche quelle che parteciperanno alla fase preliminare, infatti di queste solo 17 andranno direttamente ai gironi (Per l’Italia Roma e Lazio). Tre i turni preliminari prima dei playoff e poi della fase a gironi; quindi se il Torino riuscirà a qualificarsi ad ogni fase avrà davanti a sé tre avversarie, per un totale di sei partite (andata e ritorno) prima dei gironi. La corsa inizia il 25 luglio, con il secondo turno preliminare, e sarà giocata contro la vincente di Debrecen-Kukesi. In teoria i piemontesi avrebbero diritto a disputare la partita d’andata al Grande Torino ma la società ha già fatto richiesta per giocare in casa il ritorno, visto che l’impianto quel giorno sarà occupato per il concerto del duo Laura Pausini-Biagio Antonacci, già in calendario da tempo.