E’ podio in Austria per la Ferrari

Comincia con una podio la stagione più strana della storia della Ferraria. A festeggiare e Charles Leclerc, mentre Sebastian Vettel si deve accontentare di un decimo posto. Prima del via i piloti si sono raccolti sulla linea di arrivo vestendo la maglietta con la dicitura “End Racism”, per sottolineare l’impegno di Formula 1 nel promuovere un cambiamento in meglio nel motorsport, all’interno di una serie di iniziative che viene portata avanti attraverso l’hashtag #WeRaceAsOne. Sulla SF1000 la Scuderia Ferrari in questo fine settimana ha anche voluto che apparisse il messaggio #ForzaAlex, per sostenere l’ex pilota e pluricampione paralimpico che sta lottando per la vita nell’ospedale di Siena. I due piloti hanno gestito al meglio la gara nonostante il doppio ingresso della Safety Car. Negli ultimi giri Charles e Sebastian hanno dato il meglio. Nel corso del 64° passaggio Charles è riuscito a superare Norris all’esterno nelle curve 4-5-6, e due tornate più tardi è stato in grado di mettere le sue ruote davanti a quelle della Racing Point di Sergio Perez salendo in terza posizione. Poco prima, infatti, Albon era finito in testacoda in seguito ad un contatto con la Mercedes di Lewis Hamilton che è stato di lì a poco penalizzato di cinque secondi proprio per quella collisione. Questo ha trasformato il terzo posto del monegasco sotto la bandiera a scacchi in un secondo, mentre Sebastian è riuscito a portare a casa l’ultimo punto a disposizione dopo un finale molto aggressivo. E’ stato il podio numero undici della carriera per Charles Leclerc, che replica il risultato dello scorso anno su questa pista. Per quanto riguarda la Scuderia Ferrari si tratta del podio numero 771, il 26° nel Gran Premio d’Austria. Per il prossimo appuntamento, una prima volta assoluta, la Formula 1 non cambierà location. Domenica 12 luglio si scenderà nuovamente in pista a Spielberg per il primo Gran Premio di Stiria. Ecco il commento del pilota Monegasco: ““Il team ha fatto un lavoro fantastico per tutto il fine settimana, sia per quanto riguarda la preparazione della vettura sia relativamente alla strategia. Sapevamo che dovevamo fare tutto bene per portare a casa un risultato di prestigio. Mi sono detto che avrei dovuto sfruttare ogni opportunità e credo di aver guidato sempre con questo pensiero in testa. Sono molto contento di questo risultato: non ci aspettavamo certo di finire la gara odierna al secondo posto. Ovviamente siamo contentissimi di avere aperto la stagione con un podio, ma non possiamo ignorare il fatto che non siamo dove vorremmo essere in termini di performance. Siamo stati fortunati questo weekend, con le Safety Car che hanno continuamente rimescolato le carte in tavola, ma al momento non sembra che siamo in condizioni di giocarci la vittoria. Dal punto di vista del morale, dobbiamo rimanere motivati per fare bene e so che tutti i ragazzi in fabbrica stanno lavorando al massimo per farci tornare in pista più forti. È con questo spirito che possiamo superare questo momento non ideale e continuare a puntare agli obiettivi che ci siamo posti”.