Danilo Amerio svela i segreti del “Danilo Amerio Circus”

Martedì 10 dicembre alle 21 torna al Teatro Alfieri di Asti “Danilo Amerio Circus”, in una veste rinnovata e “più matura” come ci ha spiegato il protagonista ovvero il cantautore astigiano Danilo Amerio, che abbiamo incontrato.
D – Cosa succede quando l’estro di un cantautore del tuo calibro incontra l’arte circense?
R – Succede che si realizza un sogno che coltivo da molti anni, quello di unire la musica moderna a un’arte antichissima come il Circo. E’ iniziato tutto con “Ali Digitali” (Album di Amerio del 2009 *ndr*) nel quale il tema dominante è la tecnologia quindi l’esatto opposto della tradizione del circo. Grazie alla regia di Alfia Bevilacqua e alla collaborazione con la compagnia Artemakìa abbiamo creato un concerto-spettacolo molto particolare.
D – Tu proporrai il tuo repertorio, ci sarete solo tu e il tuo pianoforte a curare la parte musicale?
R – In realtà sarò accompagnato da un gruppo di musicisti molto bravi: Olga Kazelko alle tastiere, Omar Maiorano alla batteria, Gualtiero Marangoni al basso, Luca Marchesin alle chitarre, e Susi Amerio, Martina Pinsoglio e Fabio Massano ai cori. Il concerto si aprirà proprio con ali digitali e poi proporrò i brani che ho scritto per me e alcuni dei brani che ho scritto per altri artisti, come “Donna con te”, “Gli uomini non cambiano” e “Gente di Mare”. Il tutto arricchito dalle evoluzioni di Milo, Olivia e gli altri artisti del gruppo Artemakìa, nonché insegnanti della scuola di Circo “Chapitombolo” di Monale d’Asti.
D – Il tuo è in realtà un ritorno, perché tu proponesti questo spettacolo al teatro alfieri nel 2013, cosa è cambiato da allora?
R – Siamo cresciuti e siamo migliorati tutti. Grazie al tour che in questi anni ci ha portato su e giù per l’italia abbiamo affinato sempre di più la fusione tra musica, coreografie e i giochi di luce, è tutto molto suggestivo e ha riscosso un grande successo. Infatti questa data astigiana è stata fortemente voluta dall’assessore alla cultura Imerito e da Gian Porro e ne sono felice.
D – So che tu ti esibisci anche da solo in genere, soprattutto nel sud italia dove sei molto amato.
R – (Sorride *ndr*) E’ vero, mi esibisco spesso in concerto un po’ dappertutto, ma devo dire che in Calabria e in Sicilia ho un seguito particolare.
D – Un’ultima domanda…anzi, una richiesta, prima dello spettacolo di martedì prossimo ci dedicherai qualche minuto per salutare i lettori de “La Luna”?
R – Assolutamente si, molto volentieri. A presto
In attesa della videochiacchierata con Danilo Amerio (visibile sul sito www.laluna.it), ricordiamo che il costo dei biglietti per assistere allo spettacolo è di 20 euro (ridotto 15 euro). Per informazioni, come di consueto, occorre contattare il Teatro Alfieri ai numeri 0141.399057/399040, oppure recarsi direttamente in biglietteria in Via al Teatro 2, dal martedì al venerdì con orario 10,30-16,30.

Serena Schillaci