Dall’Australia a Villanova d’Asti per insegnare inglese

DALL’AUSTRALIA A VILLANOVA D’ASTI PER INSEGNARE INGLESE

Paula Diaz Gamarra è una ragazza australiana che sta affiancando i docenti dell’IC Villanova per potenziare l’apprendimento della lingua inglese degli studenti.

Villanova d’Asti, 25 ottobre 2022 – La ventenne Paula Diaz Gamarra ragazza australiana del New South Wales, assisterà i docentidell’ICVillanovafino alla chiusura della scuola per le vacanze natalizie. Lo scorso mese sono arrivati i tre ragazzi stranieri che hanno preso parte al Teacher Assistant Program promosso da WEP – l’organizzazione internazionale di scambi culturali e linguistici nel mondo – e, che ha coinvolto in otto anni più di 15.000 studenti e circa 200 istituzioni scolastiche in Italia. Il progetto è volto a potenziare il livello di apprendimento in classe delle lingue straniere nelle scuole. I teachers, che supportano i docenti durante l’orario scolastico, offrono agli alunni l’opportunità di entrare in contatto con un diverso approccio all’insegnamento e di conoscere in modo diretto curiosità e particolarità del Paese straniero di cui studiano la lingua. Il programma, della durata di tre mesi, è rivolto alle scuole secondarie di primo e di secondo grado.

Grazie al programma, ragazzi che provengono da tanti paesi sparsi nel mondo vengono inseriti nelle scuole per affiancare, per un periodo di 12 settimane, gli insegnanti di lingua ed eventuali altri colleghi durante le lezioni. A questo proposito, Paula non nasconde il suo entusiasmo:“Queste quattro settimane in Italia sono andate bene e mi sto godendo tutto in Italia. Una cosa che ho notato è che tutti sono comprensivi e vogliono aiutarmi in ogni modo possibile. Tutti nella mia zona sono così gentili! Questa avventura è fantastica! Sto viaggiando un po’ per l’Italia e incontro persone nuove e simpatiche! Per me è la prima volta! Ho scelto questo programma perché stavo studiando per diventare insegnante all’università. Ho pensato che questa esperienza sarebbe stata un buon modo per acquisire maggior sicurezza nell’insegnamento. Sto anche studiando lingue straniere e l’italiano è una di queste”.   

L’iniziativa, collocata nell’ambito delle “Linee di indirizzo sulla mobilità studentesca giovanile”, permette di far convergere esigenze didattiche e organizzative senza costi aggiuntivi per le istituzioni scolastiche. Una grande occasione per gli alunni dell’IC Villanova di perfezionare lo studio della lingua inglese attraverso un metodo particolarmente coinvolgente anche per la teacher stessa: “Penso che la differenza principale sia che gli insegnanti cambiano classe e non gli studenti. Un’altra grande differenza sono gli orari della scuola. In Australia la maggior parte delle scuole inizia alle 8:00 e finisce alle 15:00 tutti i giorni. Qui in Italia dipende dal giorno. E, infine, una grande differenza è che in Australia gli studenti indossano le uniformi. Mi rende felice che gli studenti siano curiosi e vogliano saperne di più sull’Australia. Mi fa sentire come se stessi regalando agli studenti un ricordo eterno del mio Paese!”.

Prof.ssa Sabrina Sili: “Paula è una ragazza piena di gioia e allegria, coinvolge i ragazzi raccontando dell’Australia, dei suoi animali stranissimi, di come sia la vita nell’emisfero australe e con giochi che stimolano l’uso della lingua inglese in un contesto spontaneo e interattivo. Le lezioni sono pianificate per utilizzare il più possibile la metodologia CLIL (content language integrated learning) e la didattica ludica, perché consentono di utilizzare la lingua come veicolo di contenuti interessanti e coinvolgenti nonché di fissare gli apprendimenti nella memoria a lungo termine. Paula progetta le lezioni insieme ai docenti e li affianca per due ore a settimana in ogni classe. Con il loro aiuto sta facendo un bellissimo percorso con i nostri studenti”.   

Il Teacher Assistant è partito come progetto “pilota” nel settembre 2013, con l’arrivo dei primi giovani assistenti. La collaborazione tra un’organizzazione privata e un’istituzione pubblica, insieme alla gratuità del progetto, è risultata vincente. I giovani insegnanti, di madrelingua inglese, francese, tedesca e spagnola, sono selezionati da WEP, mentre le scuole provvedono ad organizzare l’ospitalità in famiglia dei teachers.

WEP è un’organizzazione internazionale al servizio dei giovani, che segue ogni anno circa 5000 ragazzi in partenza dall’Italia verso 65 Paesi e in arrivo nella nostra penisola da tutto il mondo. I suoi programmi comprendono: soggiorni di gruppo (vacanze-studio); corsi di lingua all’estero; programmi di lavoro, stage e viaggi solidali all’estero; i programmi “High School” per i ragazzi delle superiori per trascorrere un trimestre, un semestre o un anno scolastico all’estero; ospitalità di giovani stranieri.