Covid: la disperazione degli Artisti cantata da Igor Nogarotto

Siamo la culla dell’arte ma le abbiamo chiuso le porte

Inizia così la canzone “Italia vaffanculo” del cantautore Igor Nogarotto, titolo solo apparentemente di odio verso il proprio Paese: in realtà è una richiesta di aiuto, un inno all’Italia che ne mette in luce la bellezza e la grandezza storica che gli attuali governanti sembrano aver dimenticato

Spiega Igor: “Non è una difesa partigiana del mio lavoro: l’assenza di Cultura e di espressioni artistiche come musica, cinema, teatro privano l’individuo di bellezza e di emozioni, rendendolo sempre più arido di sentimenti e isolato, generando depressione e crescente incapacità di creare relazioni umane“.

Link video “Italia vaffanculo”: https://youtu.be/K5APLHCbxOo