Coinvolgimento di medici e farmacisti nella prossima campagna antinfluenzale

La risposta in Consiglio regionale ad un’interrogazione sull’organizzazione del servizio vaccinale antinfluenzale per la campagna 2022-23 ha consentito all’assessore regionale alla Sanità di confermare che le farmacie potranno proseguire con le somministrazioni alle persone maggiorenni previa presentazione di documenti che comprovino la pregressa somministrazione di un’analoga tipologia di vaccini.

Inoltre, la Conferenza delle Regioni sta valutando un documento per consentire ai farmacisti di vaccinare anche chi ha diritto alla somministrazione a carico del Servizio sanitario.

Per quanto riguarda i medici di medicina generale, l’assessore ha precisato che la Regione Piemonte ha esteso a 9 euro come per i farmacisti, anziché i 6,16 stabiliti dall’accordo collettivo nazionale, il compenso per l’attività svolta in autonoma organizzazione.