Buona prova della Nazionale di Mancini

Sei gol con la Moldavia, zero con la Polonia. Bilancio altalenante, ma comunque positivo, per la nazionale Italiana impegnata con la Nations League. A segno, nella prima sfida della scorsa dettimana, Bryan Cristante, Francesco Caputo, Domenico Berardi e Sthpham El Shaarawy, autore di una doppietta (la sesta rete è frutto di un autogol). Il match contro la Polonia, terminato zero a zero, ha avuto un ottimo riscontro ti pubblico con sette milioni di telespettatori. Come sede per la sfida del gruppo di Roberto Mancini contro i Paesi Bassi è stata scelta Bergamo, per essere vicini alla città dopo il difficile periodo: “L’invito ufficiale è arrivato ai primi cittadini proprio nei giorni scorsi, a firma del presidente della Figc, Gabriele Gravina: «Giocare oggi nella città orobica rappresenta per noi una testimonianza dell’attenzione che tutto il mondo del calcio ha avuto e continua a manifestare per i cittadini della provincia di Bergamo e per le sofferenze inflitte loro dal coronavirus – si legge nella missiva che la federcalcio ha inviato ai sindaci -. L’avremmo voluto fare in condizioni ambientali differenti, con un pubblico festante a sostenere gli azzurri, perché siamo convinti che la vera essenza del calcio sia la condivisione gioiosa con tutti i suoi appassionati. Ma siccome le condizioni generali ancora ce lo impediscono, vorremmo testimoniare comunque la nostra vicinanza al suo territorio ospitandola ad assistere alla gara”. Sugli spalti, oltre ai sindaci, ci dovrebbero essere anche alcune delegazioni di operatori sanitari in prima linea durante l’emergenza.