Salute e Bellezza

Bellezza, come recuperare dopo l’influenza

Influenza e infezione da virus Covid-19 lasciano l’organismo in uno stato debilitato e con una sensazione di stanchezza e debolezza dopo la malattia (convalescenza)Il sistema immunitario ha appena concluso una battaglia vittoriosa e deve tornare ai livelli normali di efficienza: per questo l’organismo ha bisogno di riposo nei primi giorni senza sintomi. Si dovrebbe evitare il ritorno ai ritmi precedenti la malattia, con situazioni di stress e livelli di attività che ostacolano la ripresa del sistema immunitario, esponendo l’organismo a possibili ricadute. La guarigione, così, può dirsi completa quando si recupera uno stato di energia ottimale per riprendere le quotidiane attività e il lavoro: dopo qualche giorno in caso di influenza e dopo qualche settimana/mese in caso di Covid-19. Chi ha superato la malattia da Covid-19, che coinvolge tutto l’organismo, spesso lamenta il cosiddetto “long Covid” con sintomi che perdurano nel tempo: problemi del sonno e del respiro, debolezza, dolori e ansia. Anche in questo caso è fondamentale sostenere le difese immunitarie.

Consigli per riprendersi al meglio

In fase di convalescenza, preferibilmente da trascorrere a casa, per avere una ripresa più rapida è importante:

  • se proprio bisogna uscire, vestirsi adeguatamente, coprendosi dal freddo;
  • mantenere un livello di attività fisica basso almeno per qualche giorno, ciò vale anche per gli sportivi (diamo tempo al nostro organismo di riprendersi bene!);
  • evitare i luoghi affollati ed il contatto con persone colpite da sintomi influenzali;
  • bere per evitare la disidratazione e reintegrare i liquidi persi durante la malattia, con il rialzo della temperatura corporea.

Cosa serve all’organismo

Ecco i nutrienti e i rimedi più indicati da assumere in convalescenza:

  • minerali, anch’essi persi tramite la sudorazione abbondante in presenza di febbre;
  • vitamine, in particolare la vitamina C e le vitamine del gruppo B. La vitamina C supporta il sistema immunitario, mentre le vitamine del gruppo B sostengono il metabolismo energetico, aiutando a trasformare i nutrienti in energia;
  • proteine o aminoacidi. I coronavirus (come quello del Covid-19), infatti, utilizzano aminoacidi per produrre copie di sé stessi, sottraendoli alle cellule, che vengono indebolite e che necessitano di ritrovare la loro funzionalità;
  • sostanze naturali adattogene, una marcia in più quando serve, come in questa fase, in cui tutto l’organismo è stato messo a dura prova.

La natura offre un prodotto efficace e completo: la pappa reale.

Perché assumere pappa reale?

Prodotta dalle ghiandole salivari delle api operaie, serve per nutrire le api più piccole nei primi giorni di vita e l’ape reginaLa pappa reale è un integratore ricostituente naturale dalla composizione completa, che soddisfa i bisogni dell’organismo in convalescenza: contiene circa il 70% di acqua, proteine e aminoacidi, zuccheri (glucosio e fruttosio), vitamine (C e del gruppo B soprattutto), minerali (potassio, calcio, sodio, zinco, ferro, rame e manganese). Inoltre, ha proprietà antiossidante e antinfiammatoria, ha azioni antibatteriche e rinforza il sistema immunitario.

Si rivela un ottimo rimedio energetico in convalescenza, per gli sportivi e gli anziani e in tutti i casi in cui l’organismo è molto debilitato.

In più contiene acetilcolina e colina, utili per il sistema nervoso: la pappa reale può essere assunta dagli studenti in fase di preparazione agli esami o in previsione di un momento lavorativo intenso.

Può anche supportare la guarigione, poiché contiene sostanze antimicrobiche che contrastano virus e batteri responsabili dei malanni stagionali. Molti si preoccupano del fatto che la pappa reale potrebbe far ingrassare: in realtà nonostante sia un prodotto energetico che stimola l’appetito, aumenta anche il metabolismo cellulare che fa consumare più energia.