Albergo Etico compie quattro anni e festeggia con un mese di eventi internazionali

A giugno l’Albergo Etico compie quattro anni e li celebra con un tour internazionale che avrà inizio venerdì 31 maggio a Buenos Aires. In quell’occasione Etico sarà ospite dell’Ambasciata italiana in Argentina. Da Buenos Aires, gli “orange” di Etico voleranno a Sidney, dove Etico aprirà la sua prima struttura nella seconda metà del 2019. All’evento Sudamericano e a quello australiano, poi, lunedì 10 seguirà una tappa ad Asti, dove tutto ha avuto inizio, presso la Sala Platone del Comune. In seguito sarà la volta di Torino, Milano e Roma, dove il 18 giugno, giorno esatto del compleanno di Etico, si terrà un evento per festeggiare i primi mesi dall’apertura della struttura nella Capitale. Il tour di Etico, però non si ferma ancora, perché il 19 giugno sarà la volta di Pistoia, presso la Sala Maggiore del Comune. Anche la struttura di Pistoia, come quella di Sidney, sarà inaugurata a breve. A corollario del mese di eventi di Albergo Etico, si terranno anche una tappa in Norvegia, una a Londra il 12 giugno presso il Good Hotel e una il 29 giugno a Bratislava, presso il Bivio Hotel-Albergo Etico.

Il tour di Etico sarà un’occasione per presentare essenzialmente due novità: il planning delle nuove aperture e la presentazione dello SROI, studio realizzato dai ricercatori del centro di ricerca ARCO (Action Research for CO-Development) del PIN Polo di Prato dell’Università degli Studi di Firenze, con la supervisione scientifica di Luca Bagnoli, Mario Biggeri e Marco Bellucci, del Dipartimento di Scienze per l’Economia e l’Impresa, per misurare l’impatto sociale generato dalle attività di Inclusione lavorativa di Albergo Etico.

Riguardo alle nuove aperture, Pistoia e Sydney inaugureranno a breve. A queste due, si aggiunge l’avvio di una nuova attività stagionale in Salento, a partire da questa estate. Nel 2020, inoltre, saranno quattro le aperture. Nella prima parte dell’anno Monterosso al Mare (Cinque Terre) e Norvegia, mentre nella seconda metà dell’anno sarà la volta di Matera, Alba e Milano.

Lo studio SROI, nato per volontà della Cooperativa Download, ha misurato il ritorno economico, sociale e ambientale delle attività di Etico per i diretti beneficiari e la comunità. Il processo di ricerca è stato svolto attraverso il coinvolgimento di più di 50 stakeholder.

Per i ragazzi con disabilità che lavorano in Albergo Etico, sono stati considerati in particolare i cambiamenti relativi all’acquisizione di competenze lavorative specifiche e trasversali, di competenze e autonomie di base, l’aumento di autostima e benessere personale. Per la collettività è stato invece considerato il cambiamento in termini di costo sociale di un ragazzo con disabilità che lavora rispetto a quello di uno che non lavora. Per le famiglie sono stati considerati i cambiamenti nelle relazioni e nel benessere interno della famiglia.

Per la Cooperativa Download, infine, è stata considerata la visibilità e il prestigio di proporsi come nuovo modello di inclusione lavorativa e la soddisfazione dei clienti derivanti dal contribuire con le proprie scelte di consumo all’affermarsi di un nuovo paradigma di inclusione lavorativa e di un nuovo modello di turismo sostenibile.

L’Associazione Albergo Etico è nata nel 2009 dall’intuizione di alcuni amici provenienti da settori diversi e intenzionati a dare il proprio contributo per migliorare la società in cui vivono. La cooperativa sociale Download, naturale evoluzione dell’associazione, è oggi una realtà vivace, in costante crescita, punto di riferimento per l’accoglienza turistica accessibile ad Asti e, soprattutto, pioniera nei progetti di autonomia personale e professionale di ragazzi con sindrome di Down e disabilità intellettiva.

La storia di Albergo Etico nasce nel 2006 dall’incontro tra i fratelli Antonio ed Egidio De Benedetto, (gestori del ristorante Tacabanda di Asti) e Niccolò Vallese, un ragazzo con sindrome di Down che inizia a effettuare un periodo di stage presso il loro ristorante. Dal 2006 in poi l’esperienza di inclusione lavorativa presso il Tacabanda cresce, sia per la quantità di persone che vengono coinvolte, sia per la qualità dei metodi di inserimento lavorativo. Con l’arrivo di Alex Toselli – attuale presidente della Cooperativa – nel 2015, si realizza l’apertura del primo Albergo Etico, gestito dalla Cooperativa Download ad Asti.

Alex Toselli, che ha una lunga esperienza nel settore finanziario e diversi ruoli di responsabilità nel ramo corporate and investment banking, ha contribuito a trasformare quello che era solo un sogno, in un esempio virtuoso di impresa sociale, capace di abbinare turismo di qualità a reale inclusione sociale, mostrando come l’innovazione sociale possa puntare sulla qualità di vita e sul talento, anche per le persone più fragili, creando occasioni di vera integrazione e nuove figure professionali: revenue disability management, esperti in comunicazione turistica accessibile, marketing alberghiero sui bisogni speciali, caffetteria e bar service mediati, professionisti della cucina con moduli dedicati all’affiancamento di risorse con disabilità.

In conclusione, la ricerca sullo SROI ed impatto sociale di Albergo Etico, arriva peraltro in un momento di forte espansione del progetto, con Roma ormai avviata e il planning delle nuove aperture già definito per tutto il 2020, ma soprattutto con l’obiettivo a lungo termine di realizzare 50 Alberghi Etici in 10 Paesi. Ai risultati ottenuti in Italia e all’estero, infatti, si aggiunge già il pensiero di Londra e Bruxelles, soprattutto a fronte dei numeri rilevati dalla ricerca SROI: nei quattro anni dall’avvio del progetto ad Asti, dove tutto è nato, infatti, per ogni euro investito, il progetto ha generato un ritorno sociale di 3,72 euro, e le stime sui primi mesi di Roma indicano addirittura una proporzione 1 a 5,11. Sulla stessa falsariga sono anche le stime previste per la nuova apertura di Pistoia, dove si prospetta un ritorno sociale di 1 a 5. Numeri che non solo suggeriscono come il percorso intrapreso sia quello prefigurato in fase di progettazione, ma che vanno ben al di là delle aspettative, strutturando concretamente l’idea di un business model che vuole essere un punto di riferimento per il turismo accessibile e più in generale un esempio di sostenibilità e buone pratiche sociali, economiche e lavorative, sia da un punto di vista di nuove opportunità per i dipendenti, che da un punto di vista di possibili investimenti imprenditoriali.